FORO INTERNACIONAL ACCION CATOLICA INTERNATIONAL FORUM CATHOLIC ACTION
FORUM INTERNAZIONALE AZIONE CATTOLICA FORUM INTERNATIONAL ACTION CATHOLIQUE

Coordinamento Giovani: “Easter Corner”

●35^ GMG ●Settimana Santa 2020

Cari giovani di Azione Cattolica,
in questi tempi di prova, siamo chiamati a raccoglierci nella preghiera, strumento concreto che ora più che mai ci fa superare le distanze e ci unisce come fratelli.
Come Coordinamento Giovani del FIAC vorremmo proporre di vivere insieme un momento di preghiera nel corso della Domenica delle Palme, il 5 aprile 2020 (per il rito bizantino domenica 12 aprile 2020), in cui celebriamo anche la Giornata Mondiale della Gioventù.

L’invito a stare insieme nella preghiera ci aiuterà anche a farci forza per continuare a vivere pienamente la nostra quotidianità nella fede e per “rialzarci” dopo questo faticoso periodo.

Nasce così l’idea di pregare insieme a tutti i giovani del mondo, con il desiderio di raggiungerci e di sentirci vicini, come la grande famiglia che siamo e che siamo sempre stati. Dopo aver pregato insieme, ci prendiamo l’impegno di condividere la nostra riflessione attraverso un’immagine, una foto, una frase, una canzone e di fare un post o una storia sui social, taggando i profili facebook e instagram del Fiac.

Inoltre, cogliamo anche l’occasione per lanciare l’iniziativa “EASTER CORNER”: l’invito a creare durante la Settimana Santa, dentro le nostre case e/o nella nostra camera, un luogo per la preghiera, insieme agli oggetti che stanno accompagnando la nostra vita spirituale (come la Bibbia, un crocifisso e/o un’icona, una candela, un piccolo mappamondo, l’immagine di un testimone che ci accompagna…). Fotografiamolo e condividiamolo con i nostri amici.

Un abbraccio a ciascuno di voi e buona Pasqua

Luisa, Michele e tutti gli amici del Coordinamento giovani del Fiac


XXXV GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ 2020
Giovane, dico a te, alzati!” (cfr Lc 7,14)

Dopo un momento di preghiera insieme in cui ci affidiamo alla Vergine Maria, leggiamo il messaggio che Papa Francesco ci ha donato per la XXXV Giornata Mondiale della Gioventù. Prendiamoci del tempo per riflettere.

Per aiutare la riflessione:
– il Papa ha deciso che il verbo che accompagnerà il cammino fino alla GMG di Lisbona è “alzarsi”, assumendo anche il significato di risorgere, risvegliarsi alla vita.

In che modo vogliamo vivere da giovani alzati, in piedi, questo nostro tempo?
Il nostro pianeta sta affrontando una grande battaglia sanitaria, che sta colpendo, in modo diverso, tutti i paesi. Continuiamo a pregare e a riflettere aiutandoci con le parole che Papa Francesco ci ha donato il 27 marzo scorso, durante il momento straordinario di preghiera in tempo di epidemia.

Leggiamo l’episodio della tempesta sedata (Mc 4, 35-41)
In quel medesimo giorno, venuta la sera, disse loro: «Passiamo all’altra riva». 36 E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui. 37 Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. 38 Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?». 39 Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. 40 Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?». 41 E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?».

http://w2.vatican.va/content/francesco/it/homilies/2020/documents/papa-francesco_20200327_omelia-epidemia.html

Ripercorriamo il commento del Papa:

 «Venuta la sera» (Mc 4,35).
Così inizia il Vangelo che abbiamo ascoltato.  Da settimane sembra che sia scesa la sera. (…) Come i discepoli del Vangelo siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. (…) Su questa barca… ci siamo tutti. (…) È facile ritrovarci in questo racconto. (…)

DOMANDA: come stai vivendo questa tempesta?
Quello che risulta difficile è capire l’atteggiamento di Gesù (…) è l’unica volta in cui nel Vangelo vediamo Gesù che dorme (…).Quando poi viene svegliato, dopo aver calmato il vento e le acque, si rivolge ai discepoli in tono di rimprovero: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?» (v.40). Cerchiamo di comprendere. (…) una volta invocato, Gesù salva i suoi discepoli sfiduciati.

DOMANDA: ti stai rivolgendo a Gesù? Hai cura della tua vita spirituale? In che modo la preghiera ti sta aiutando?
La tempesta smaschera la nostra vulnerabilità e lascia scoperte quelle false e superflue sicurezze con cui abbiamo costruito le nostre agende, i nostri progetti, le nostre abitudini e priorità. (…)Con la tempesta, è caduto il trucco di quegli stereotipi con cui mascheravamo i nostri “ego” sempre preoccupati della propria immagine; ed è rimasta scoperta, ancora una volta, quella (benedetta) appartenenza comune alla quale non possiamo sottrarci: l’appartenenza come fratelli.

DOMANDA: in questi giorni riesci a riflettere sulle conseguenze e sulle cause di questa tempesta? Come pensi sarà il “dopo”, quando questa emergenza sanitaria finirà?
In questa preghiera ci accompagna un nostro caro amico, il giovane Beato Piergiorgio Frassati.

Chiediamo la sua intercessione nel ricordo della sua nascita, avvenuta il 6 aprile 1901, e lo preghiamo per tutti i giovani del mondo:

Padre santo, fonte dell’amore,
ti ringraziamo per la testimonianza
del Beato Pier Giorgio Frassati.
Dal suo esempio fa che impariamo
a conoscere e amare il tuo Figlio Gesù,
a nutrirci del suo Corpo, pane dell’anima,
per seguirlo nel servizio dei poveri,
e così incarnare lo spirito delle Beatitudini.
Da Pier Giorgio, fa che impariamo ad avere
un cuore aperto alla vita, accogliente,
generoso e pieno di allegria.
Aiutaci, Signore
a scegliere cammini “verso l’alto”,
a non accontentarci dei compromessi
per seguire il tuo Figlio sulla via della croce,
che ci porta alla salvezza eterna.
Padre Santo, ascolta la nostra preghiera
e per intercessione del Beato Pier Giorgio
concedici la grazia che Ti chiediamo,
per Cristo nostro Signore.

Ave Maria, Gloria e
un’opera di misericordia. 

CAMMINIAMO INSIEME VERSO LA PASQUA
Il Signore si risveglia per risvegliare e ravvivare la nostra fede pasquale.
Abbiamo un’ancora: nella sua croce siamo stati salvati.
Abbiamo un timone: nella sua croce siamo stati riscattati.
Abbiamo una speranza: nella sua croce siamo stati risanati e abbracciati affinché niente e nessuno ci separi dal suo amore redentore. Amen.

Cantiamo il Padre nostro.

wps_subtitle:
●35^ GMG ●Settimana Santa 2020
pl_view_post:
104