FORO INTERNACIONAL ACCION CATOLICA INTERNATIONAL FORUM CATHOLIC ACTION
FORUM INTERNAZIONALE AZIONE CATTOLICA FORUM INTERNATIONAL ACTION CATHOLIQUE

Rassegna stampa

IV INCONTRO CONTINENTALE WEST AFRICA
VITA PANE PACE E LIBERTÀ. Per un’Africa prospera, in pace e riconciliata •Dakar, 19-23 gennaio 2011


RADIO VATICANA 28.01.2011
Le conclusioni del IV Incontro continentale del Fiac per l’Africa occidentale

Gli ostacoli all’evangelizzazione e la promozione della dignità umana. Queste le priorità analizzate nel IV incontro del Forum Internazionale di Azione Cattolica (Fiac) per l’Africa occidentale, conclusosi a Dakar, in Senegal. All’incontro sul tema “Vita, pane, pace e libertà. Per un’Africa prospera, in pace, riconciliata”, riferisce l’agenzia Fides, hanno partecipato 100 rappresentanti dei Movimenti di Azione cattolica di Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Ghana, Mali, Nigeria e Senegal, insieme a membri del Segretariato internazionale del Fiac di quattro paesi (Italia, Spagna, Romania e Burundi). Tante le problematiche affrontate, tra le quali la povertà e le ingiustizie sociali, ma anche il mal governo, la persistente insicurezza, l’urgenza della riconciliazione e della formazione integrale della persona. Al termine dell’iniziativa, i partecipanti hanno assunto l’impegno di “promuovere e difendere i valori cristiani in tutti gli ambiti di vita”, “conoscere meglio e integrare le nostre culture in maniera consapevole e coerente alla luce del Vangelo”, con la promessa di approfondire “il dialogo interreligioso e interculturale” e la riflessione “sull’ecclesialità, la laicità, l’organicità e la collaborazione con la Gerarchia”. I laici di Ac dell’Africa occidentale hanno anche raccomandato alla gerarchia ecclesiastica di “promuovere la formazione dei laici per una maggiore efficacia della missione della Chiesa” e di “creare una sinergia tra pastori, consacrati e laici, fondata sulla corresponsabilità nella comunione”. Tra le richieste, infine, la creazione di un dialogo con i politici e i responsabili della società civile, in vista della promozione del bene comune e dello Stato di diritto”. (M.I.)

RADIO VATICANA 28.01.2011
Benedetto XVI ai laici africani dell’Azione Cattolica: la vostra fede cristiana impregni la vita familiare, politica e lavorativa

I laici del continente africano si impegnino “sulle vie della giustizia, della riconciliazione e della pace”. L’auspicio è contenuto nel messaggio che Benedetto XVI ha inviato, a firma del cardinale segretario di Stato, Tarcisio Bertone, ai partecipanti al Forum internazionale di Azione Cattolica, svoltosi nei giorni scorsi a Dakar. Riferendosi al “prolungamento della seconda Assemblea speciale del Sinodo dei Vescovi per l’Africa”, il Pontefice esorta i laici africani affinché, scrive, la loro fede cristiana “impregni tutte le dimensioni della vita familiare, sociale politica o lavorativa”, e perché tutti siano “autentici Ambasciatori del Cristo” nella società. “Date ampio spazio alla preghiera e ai sacramenti – conclude Benedetto XVI – e non abbiate paura di dedicare tempo ad acquisire una fede viva, mediante una solida formazione spirituale e umana”.

AGENZIA FIDES 28.01.2011
AFRICA/SENEGAL – Gli ostacoli all’evangelizzazione e alla promozione umana in Africa: concluso l’incontro del FIAC

Dakar (Agenzia Fides) – Le povertà e le ingiustizie sociali, il malgoverno, la persistente insicurezza, il cattivo avvio della democrazia in parecchi Paesi, la corruzione, l’urgenza della riconciliazione e della formazione integrale della persona: queste le sfide all’evangelizzazione e all’affermazione della dignità umana analizzate nel IV incontro continentale del FIAC (Forum Internazionale di Azione Cattolica) per l’Africa occidentale che si è concluso il 23 gennaio a Dakar, in Senegal (vedi Fides 19/1/2011).
Secondo il comunicato conclusivo inviato all’Agenzia Fides, all’incontro sul tema “Vita, pane, pace e libertà. Per un’Africa prospera, in pace, riconciliata” hanno partecipato 100 rappresentanti dei Movimenti di Azione cattolica di Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Ghana, Mali, Nigeria e Senegal, insieme a membri del Segretariato internazionale del FIAC di quattro Paesi (Italia, Spagna, Romania e Burundi).
Al termine dei lavori, i partecipanti hanno assunto l’impegno, in particolare, di “promuovere e difendere i valori cristiani in tutti gli ambiti di vita”, di “conoscere meglio e integrare le nostre culture in maniera consapevole e coerente alla luce del Vangelo”, di approfondire “il dialogo interreligioso e interculturale” e la riflessione “sull’ecclesialità, la laicità, l’organicità e la collaborazione con la Gerarchia”: le quattro note dell’Apostolicam Actuositatem (n° 20) che caratterizzano i Movimenti di Azione Cattolica.
I laici di Ac dell’Africa occidentale hanno anche raccomandato alla gerarchia ecclesiastica di “promuovere la formazione dei laici per una maggiore efficacia della missione della Chiesa” e di “creare una sinergia di riflessione e di azione, a tutti i livelli, tra Pastori, consacrati e laici, fondata sulla corresponsabilità nella comunione”, senza dimenticare di “dotare le strutture di coordinamento dell’apostolato dei laici di conseguenti risorse umane, materiali e finanziarie per il raggiungimento degli obiettivi”. Hanno, inoltre, chiesto di “creare le condizioni di dialogo con i politici ed i responsabili della società civile in vista della promozione del bene comune e dello Stato di diritto”. Al Segretariato del Fiac, infine, è stato richiesto di continuare a “promuovere questo tipo di seminari di formazione a livello internazionale, continentale, regionale e diocesano”.
IL FIAC ha ricordato Mons. Jacques Sarr, Vescovo di Thiès e Presidente della Commissione Episcopale per l’Apostolato dei Laici del Senegal, morto il 18 gennaio (vedi Fides 21/1/2011), come “uomo di Dio dedito totalmente al servizio della Chiesa, che aveva uno sguardo di speranza per l’Africa”. (L.M.)

ZENIT.org 27. 01.2011
Da cristiani contro la corruzione e le ingiustizie sociali in Africa
Messaggio finale IV Incontro continentale del Fiac per l’Africa occidentale

ROMA, giovedì, 27 gennaio 2011 (ZENIT.org).- Le povertà e le ingiustizie sociali, il mal governo, la persistente insicurezza, il cattivo avvio della democrazia in parecchi paesi, la corruzione, l’urgenza della riconciliazione e della formazione integrale della persona: queste le sfide dell’evangelizzazione e per l’affermazione della dignità umana analizzate nel IV incontro continentale del Fiac per l’Africa occidentale che si è concluso il 23 gennaio scorso a Dakar, in Senegal.
All’incontro sul tema “Vita, pane, pace e libertà. Per un’Africa prospera, in pace, riconciliata” hanno partecipato 100 rappresentanti dei Movimenti di Azione cattolica di Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Ghana, Mali, Nigeria e Senegal, insieme a membri del Segretariato internazionale del Fiac di quattro paesi (Italia, Spagna, Romania e Burundi).

Al termine dell’iniziativa, i partecipanti hanno assunto l’impegno, in particolare, di “promuovere e difendere i valori cristiani in tutti gli ambiti di vita”, di “conoscere meglio e integrare le nostre culture in maniera consapevole e coerente alla luce del Vangelo”, di approfondire “il dialogo interreligioso e interculturale” e la riflessione “sull’ecclesialità, la laicità, l’organicità e la collaborazione con la Gerarchia: le quattro note dell’Apostolicam Actuositatem (n° 20) che caratterizzano i Movimenti di Azione Cattolica”.

I laici di Ac dell’Africa occidentale hanno anche raccomandato alla gerarchia ecclesiastica di “promuovere la formazione dei laici per una maggiore efficacia della missione della Chiesa” e di “creare una sinergia di riflessione e di azione, a tutti i livelli, tra pastori, consacrati e laici, fondata sulla corresponsabilità nella comunione”, senza dimenticare di “dotare le strutture di coordinamento dell’apostolato dei laici di conseguenti risorse umane, materiali e finanziarie per il raggiungimento degli obiettivi”. Hanno, inoltre, richiesto di “creare le condizioni di dialogo con i politici ed i responsabili della società civile in vista della promozione del bene comune e dello Stato di diritto”.

Al Segretariato del Fiac, infine, è stato richiesto di continuare a “promuovere questo tipo di seminari di formazione a livello internazionale, continentale, regionale e diocesano”.

Un ringraziamento particolare è stato indirizzato dai laici di Ac al Santo Padre Benedetto XVI per l’incoraggiamento ad “impegnarsi sulle vie della giustizia, della riconciliazione e della pace e a non avere paura di dedicare tempo ad acquisire una fede viva, mediante una solida formazione spirituale e umana”.

AGENZIA FIDES 27/01/2011 18:00
AFRICA: FIAC, “PROMUOVERE E DIFENDERE I VALORI CRISTIANI”

“Promuovere e difendere i valori cristiani in tutti gli ambiti di vita”, “conoscere meglio e integrare le nostre culture in maniera consapevole e coerente alla luce del Vangelo”, approfondire “il dialogo interreligioso e interculturale”. Questo l’impegno assunto dai partecipanti al IV incontro continentale del Fiac (Forum internazionale Azione cattolica) per l’Africa occidentale, che si è concluso nei giorni scorsi a Dakar, in Senegal. Nel documento finale, i laici di Ac dell’Africa occidentale hanno anche raccomandato alla gerarchia ecclesiastica di “promuovere la formazione dei laici” e di “creare una sinergia di riflessione e di azione, a tutti i livelli, tra pastori, consacrati e laici”, senza dimenticare di “dotare le strutture di coordinamento dell’apostolato dei laici di conseguenti risorse umane, materiali e finanziarie per il raggiungimento degli obiettivi”. Hanno, inoltre, richiesto di “creare le condizioni di dialogo con i politici ed i responsabili della società civile in vista della promozione del bene comune e dello Stato di diritto”. All’incontro sul tema “Vita, pane, pace e libertà. Per un’Africa prospera, in pace, riconciliata” hanno partecipato 100 rappresentanti dei Movimenti di Azione cattolica di Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Ghana, Mali, Nigeria e Senegal, insieme a membri del Segretariato internazionale del Fiac di quattro paesi (Italia, Spagna, Romania e Burundi).

AGENZIA FIDES 19/1/2011
AFRICA/SENEGAL – Si apre oggi il IV Incontro continentale per l’Africa occidentale del FIAC
Dakar (Agenzia Fides) – Si apre oggi a Dakar l’incontro continentale per l’Africa occidentale del Forum internazionale di Azione cattolica (FIAC), dedicato al tema “Vita, pane, pace e libertà. Per un’Africa prospera, in pace, riconciliata”. Secondo le informazioni inviate all’Agenzia Fides, i rappresentanti dei Movimenti di Azione cattolica di Benin, Burkina Fasu, Burundi, Camerun, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Guinea Bissau, Mali e Niger, si incontreranno per riflettere sulle prospettive aperte dalla II Assemblea speciale per l’Africa del Sinodo dei Vescovi, tenutasi in Vaticano nel 2009, e sullo specifico impegno dei laici a servizio della riconciliazione, della giustizia e della pace nel continente africano. Il Senegal, paese ospitante, sarà rappresentato con 70 partecipanti di 7 diocesi. Saranno inoltre presenti esponenti del Fiac di Italia, Spagna e Romania. All’incontro parteciperanno, tra gli altri, il Card. Théodore-Adrien Sarr, Arcivescovo di Dakar; Sua Ecc. Mons. Mariano Montemayor, Nunzio apostolico in Senegal, Capo Verde, Guinea Bissau e Delegato apostolico in Mauritania; Sua Ecc. Mons. Giorgio Biguzzi, Vescovo di Makeni (Sierra Leone); Mons. Barthélemy Adoukonou, Segretario del Pontificio Consiglio per la cultura. L’incontro terminerà il 23 gennaio, e prosegue la serie di appuntamenti continentali organizzati dal Fiac nel corso del 2010 in preparazione della VI Assemblea ordinaria, prevista per l’agosto 2012. (SL)

ZENIT.org ROMA, mercoledì, 19 gennaio 2011.- “Vita, pane, pace e libertà. Per un’Africa prospera, in pace, riconciliata”: a questo tema è dedicato il IV Incontro continentale del Forum internazionale di Azione cattolica (Fiac) per l’Africa occidentale che si apre questo mercoledì a Dakar, in Senegal. I rappresentanti dei Movimenti di Azione cattolica di Benin, Burkina Faso, Burundi, Camerun, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Guinea Bissau, Mali e Niger, si incontreranno per riflettere sulle prospettive aperte dalla II Assemblea speciale per l’Africa del Sinodo dei vescovi tenutasi a Roma nel 2009 e sullo specifico impegno dei laici a servizio della riconciliazione, della giustizia e della pace nel continente africano. Il Senegal, paese ospitante, sarà rappresentato con 70 partecipanti di 7 diocesi. Saranno inoltre presenti esponenti del Fiac di Italia, Spagna e Romania.

All’incontro parteciperanno, tra gli altri, il card. Théodore-Adrien Sarr, arcivescovo di Dakar; mons. Mariano Montemayor, nunzio apostolico in Senegal, Capo Verde, Guinea Bissau e delegato apostolico in Mauritania; mons. George Biguzzi, vescovo di Makeni (Sierra Leone); mons. Barthélemy Adoukonou, segretario del Pontificio Consiglio per la cultura.

L’incontro di Dakar (che terminerà il 23 gennaio), prosegue la serie di appuntamenti continentali organizzati dal Fiac nel corso del 2010 in preparazione della VI Assemblea ordinaria prevista per l’agosto del 2012 in Romania. Il primo è stato l’Incontro dei Movimenti di Azione cattolica dell’Africa orientale (Kigali, Rwanda, 10-14 marzo), seguito dall’Incontro dell’Europa/Mediterraneo (Cracovia, Polonia, 6-9 maggio) e da quello delle Americhe (Città del Messico, 8-11 luglio). L’Incontro continentale dell’Asia si svolgerà agli inizi del 2012.

AGENZIA SIR 19/01/2011 13:36
ASSOCIAZIONI: FIAC (FORUM INTERNAZIONALE AC), IN SENEGAL PER PARLARE DI AFRICA

“Vita, pane, pace e libertà. Per un’Africa prospera, in pace, riconciliata”: è il tema del IV incontro continentale del Fiac per l’Africa occidentale che si apre oggi a Dakar, in Senegal. I rappresentanti dei Movimenti di Azione cattolica di Benin, Burkina Fasu, Burundi, Camerun, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Guinea Bissau, Mali e Niger, si incontreranno per riflettere sulle prospettive aperte dalla II Assemblea speciale per l’Africa del Sinodo dei vescovi tenutasi a Roma nel 2009 e sull’impegno dei laici a servizio della riconciliazione, della giustizia e della pace nel continente africano. Il Senegal sarà rappresentato con 70 partecipanti di 7 diocesi. Saranno inoltre presenti esponenti del Fiac di Italia, Spagna e Romania. All’incontro parteciperanno, tra gli altri, il card. Théodore-Adrien Sarr, arcivescovo di Dakar; mons. Mariano Montemayor, nunzio apostolico in Senegal, Capo Verde, Guinea Bissau e delegato apostolico in Mauritania; mons. George Biguzzi, vescovo di Makeni (Sierra Leone); mons. Barthélemy Adoukonou, segretario del Pontificio Consiglio per la cultura. L’incontro di Dakar (che terminerà il 23 gennaio), prosegue la serie di appuntamenti continentali organizzati dal Fiac nel corso del 2010 in preparazione della VI Assemblea ordinaria prevista per l’agosto del 2012 in Romania. L’incontro continentale dell’Asia si svolgerà agli inizi del 2012.

wps_subtitle:
pl_view_post:
242